IL SENSO DEL CORPO

 

L’Accademia Albertina ha accettato la sfida del poco tempo a disposizione ( meno di un anno) per non perdere l’appuntamento con due momenti speciali: l’Expo di Milano e l’evento Torino Capitale Europea dello Sport.

La Città di Torino è  direttamente coinvolta nell’Expo poiché  è sufficiente una trentina di minuti di treno ad alta velocità per spostarsi da una località all’altra; gli stessi organizzatori dell’evento milanese hanno richiesto a Torino di accogliere i visitatori provenienti da tutto il mondo non solo nelle proprie strutture ricettive ma anche nel suo straordinario ambiente naturale, nel suo ricchissimo sistema museale, nella bellezza e nella vivacità delle sue strade e delle sue piazze.  Il 2015 è l’anno in cui sono stati inaugurati il nuovo Museo Egizio (che offre il migliore allestimento al mondo in materia) e la nuova Galleria Sabauda (che contiene, tra l’altro, una delle maggiori collezioni di arte fiamminga d’Europa). E’ l’anno di una nuova Ostensione della Sindone, in occasione del Bicentenario della nascita di Don Bosco, e della prima visita pastorale di Papa Francesco nella Regione da cui proviene la sua famiglia. Inoltre il 2015 è l’anno di Torino Capitale Europea dello Sport, un evento che per 12 mesi offrirà un gran numero di occasioni non solo di assistere a spettacoli sportivi di importanza internazionale, ma anche di praticare tutti gli sport più formativi e divertenti per il grande pubblico, di sperimentare i molteplici rapporti tra lo sport, l’arte e la cultura, di riflettere sugli aspetti filosofici e scientifici del fenomeno sportivo.

Sono stati proprio i riferimenti all’Expo e allo Sport che hanno portato a scegliere come tema per il Festival Il senso del corpo. Inutile sottolineare che il corpo umano è da sempre al centro della formazione e della produzione artistica dell’uomo così come lo è della pratica sportiva e di quell’insieme di tematiche che hanno dato vita all’Expo 2015.